fbpx

Cari amici e colleghi, il mio primo articolo del Blue Blog non può che focalizzarsi sul Marketing ai tempi del COVID-19.

Lo faccio perché come molti mi sono trovato stravolto dal breakdown, costretto anche io a dover ridurre la quantità e la qualità del lavoro per problemi tecnici e logistici. Ancora di più, scrivo questo articolo perché sono estremamente positivo e credo che da questa pandemia si possa trarne vantaggio!

È capitato anche a voi dopo la crisi del 2008-2011 di pensare “a saperlo, avrei investito in quello”? A me è capitato e ci penso ogni giorno: avrei comprato casa a Lisbona per esempio.

Ora mi sto comportando diversamente. Il breakdown è arrivato proprio quando ho iniziato il lavoro dei miei sogni. Dopo un po’ di sconcerto, ho deciso di non starmene con le mani in mano ed ho aperto questo blog.

Non ho intenzione di trarre profitto, ma fondamentalmente posso usarlo per sperimentare le mie tecniche di advertising online e magari poter costruire qualcosa che funzioni in futuro. Tentare non nuoce!

Cosa sto facendo? Sto riorganizzando il mio futuro e sto pensando in maniera strategica. Quello che dovremmo fare tutti.

Parliamo di marketing: per la maggior parte delle aziende le vendite in questo periodo sono estremamente ridotte. Fare campagne di conversione è  sconsigliato perché per vendite ridotte la spesa è maggiore, ma ancora più errato sarebbe stoppare il dipartimento marketing proprio ora.

Quante azienda hanno fatto questo errore un decennio fa? Il risultato non è stato altro che farsi sobbalzare da aziende giovani e più creative, ma soprattutto più coraggiose.

Che tu sia il barbiere del vicolo del paesino o il marketing manager della grande multinazionale, non c’è modo che tu possa superare una crisi se non investi in marketing.

Torniamo dunque al funnel del marketing (awareness, engagement, conversion): un errore che viene fatto spesso è che ci si limiti solo alla conversione, sopratutto se si fanno campagne online. Se questo possa funzionare in un periodo normale (chiariamo, ci sono molti fattori in mezzo), ora non funziona.

È ovvio che bisogna puntare ai primi due, awareness ed engagement, ma aggiungerei che dovresti andare indietro ancora oltre, fino alla fase della progettazione.

Pensa il tuo business in prospettiva del coronavirus: come cambierà il modo di spostarsi? Come cambierà il modo di interagire con i clienti? Come cambierà il modo di acquistare il mio prodotto?

Ed eccoci qui, fare marketing ai tempi del COVID-19 significa anche reinventare il brand e, sarò più duro, se il tuo brand non funziona nel nuovo mondo, pensa addirittura a sostituirlo con uno nuovo che possa meglio adattarsi alle condizioni che il coronavirus ci impone. Insomma, trova il value proposition che meglio funzioni, ristruttura il nome e parti con una campagna di awareness!

A proposito di awareness: nei prossimi giorni, lancerò una campagna di considerazione proprio per questo blog. La lancerò tramite il mio Ads Manager di Facebook, ci farò un video YouTube sopra e ci scriverò un articolo. Tenetevi aggiornati sulla mia pagina Facebook, Graziano Altieri’s Blue Blog e sul mio canale Youtube.

Tip 1: Se necessiti di mantenere il cash flow e non puoi farne a meno di vendere, hai pensato per esempio a vendere gift-cads o coupons, anche a prezzo ridotto, da poter utilizzare dopo la crisi?

Guadagneresti in un gesto in awareness, faresti interagire i tuoi clienti con il tuo brand e allo stesso momento gli venderesti un prodotto. Qui un articolo del Business Insider che parla di questo.

Tip 2: Facebook sta dando un contributo alle piccole e medie imprese che per causa del #coronavirus stanno avendo difficoltà a lanciare le proprie campagne online.

Fino a 30.000 piccole imprese idonee in oltre 30 paesi potranno ricevere il finanziamento. Per essere considerata idonea alla richiesta, la tua azienda deve:
– avere tra i 2 e i 50 dipendenti;
– essere in attività da più di un anno;
– aver subito gli effetti del COVID-19;
– trovarsi o essere vicina a un luogo in cui opera Facebook.
L’Italia non è nella lista, ma si può richiedere aggiornamenti tramite mail..magari in futuro lo sarà.

Dateci un’occhiata a questo link: https://www.facebook.com/business/boost/grants?ref=alias